Centro Europeo Giovanni Giolitti per lo Studio dello Stato - Dronero
HOME \ IL CENTRO EUROPEO \ NEWS \ BIOGRAFIA \ DICONO DI LUI \ GALLERIA \ MAILING LIST
MAILING LIST
Registrati per ricevere tutte le novità dal Centro.

 

News
Vai all'archivio
 
Per l’ideatore del Tricolore
Aggiornato al 21/04/2009 18:54:54

COMUNE DI CASTELL’ALFERO
(Provincia di Asti)

A nome dell’ Amministrazione del Comune di Castell’Alfero,
il Sindaco dott. Angelo Marengo
ha il piacere di invitare da S. V. alla Conferenza Stampa
indetta per l’esposizione di oggetti e documenti
appartenuti a Giovanni Battista De Rolandis di Castell’Alfero,
ideatore del Tricolore con Luigi Zamboni di Bologna.

Proveniente dal Museo dell’Università di Bologna, sarà presente la
Prima Coccarda Tricolore Italiana
che dal prossimo anno rimarrà nei saloni del Castello per tutto il periodo estivo.

All’esposizione sarà altresì riservato uno spazio alla memoria di
Ercole Capuzzo
Generale di squadra aerea e pioniere italiano del volo


Sotto l’egida del
Centro europeo "Giovanni Giolitti" per lo studio dello Stato (Dronero)
Centro Studi Piemontesi (Torino)
Istituto per la storia del Risorgimento Italiano, Comitato di Cuneo
Associazione Nazionale ex Allievi della Nunziatella (Napoli)
Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito
Comitato Guglielmo Marconi

Alle domande dei giornalisti risponderanno
il sindaco dott. Angelo Marengo, gli storici prof. Aldo A. Mola,
il prof. Gianni Rabbia, Adriano e Francesca Capuzzo
Il giornalista Ito De Rolandis

L’incontro stampa avrà inizio alle ore 21 di venerdì 24 aprile ’09 al primo piano del Castello di Castell’Alfero (uscita Asti Est seguire per Casale)





Conferenza stampa presentazione Coccarda Tricolore a Castell’Alfero
24 aprile 2009 ore 21 al primo piano del Castello


Profilo storico
Il 23 novembre 1794 Giovanni Battista De Rolandis e Luigi Zamboni incitarono i bolognesi contro l’allora governo assolutista e tirannico. I partecipanti a tale sommossa indossarono, come distintivo, una coccarda tricolore, sull’esempio della Rivoluzione Francese, alla quale il verde aveva sostituito l’azzurro, mantenendo gli altri due colori, il bianco ed il rosso. La sedizione finì nel sangue. Invano l’avvocato difensore dei due, Antonio Aldini, cercò di sminuire l’accusa. Un mese dopo l’impiccagione dell’astigiano ventunenne De Rolandis, a Bologna arrivò Napoleone. Aldini fu nominato primo ministro, e questi andò a Parigi per ratificare l’incarico. Passando da Asti consegnò alla famiglia De Rolandis di Castell’Alfero l’unica coccarda rimasta. Il cimelio è stato conservato con cura, esposto al Museo del Risorgimento di Torino, poi in quello dell’Università di Bologna. Da oggi si trova a Castell’Alfero, e qui rimarrà nel periodo estivo ogni anno.
Tale intesa è stata raggiunta tra l’Università di Bologna ed il sindaco di Castell’Alfero dott. Angelo Marengo con l’approvazione della famiglia De Rolandis, che è proprietaria della preziosa testimonianza.
La mostra è sorta sotto l’egida del Centro europeo "Giovanni Giolitti" per lo studio dello Stato con sede a Dronero, il Centro Studi Piemontesi , l’Istituto per la storia del Risorgimento Italiano Comitato di Cuneo, l’Associazione Nazionale ex Allievi della Nunziatella di Napoli e l’ Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito. Gran parte dei testi storici sono dovuti al motore di ricerca “Google” ed al “Comitato Guglielmo Marconi” di Bologna.
Alla Coccarda fanno degna corona contributi del corpo insegnante della Scuola Media “De Rolandis”, degli alunni, e di appassionati ricercatori. Gli oggetti appartenuti al martire sono di proprietà della famiglia De Rolandis che gentilmente li ha concessi in esposizione.

Dal prossimo anno la mostra sarà aperta nel periodo estivo. Eventuali informazioni
sugli orari di potranno essere richieste alla Segreteria del Comune, tel. 0141406611.
Per un approfondimento di questa importante pagina di Storia Patria e l’acquisizione
di fotografie e riproduzioni di documenti, si invita a voler visitare i
siti www.orgogliotricolore.it e www.elio.org/tricolore; inoltre nel sito del
Comune di Castell’Alfero: www.castellalfero.net/public/x/modules/mysections/article.php?lid=31 è
possibile scaricare l’immagine del martire e la fotografia della coccarda,
oltre a notizie locali; mentre in www.radiomarconi.com sono pubblicati
integralmente i testi storici di Aglebert e Venosta.
La rassegna accoglierà anche oggetti e documenti del Generale di Squadra
Aerea Ercole Capuzzo, nato a Castell’Alfero, pioniere dell’Aviazione
Militare Italiana, gentilmente messi a disposizione dal figlio Adriano
Capuzzo (animatore appassionato dell’Ippica Italiana) e dalle nipoti Flavia
e Francesca.

» Indietro          » Archivio news          » Inizio pagina

 

Realizzato da IDEA Informatica & Devisar
HOME   |  BIOGRAFIA   |   IL CENTRO EUROPEO   |   NEWS   |   LA PAROLA AL PRESIDENTE   |   DICONO DI LUI   |   PUBBLICAZIONI
APPUNTAMENTI   |   ARCHIVIO   |   MOSTRE    |   CONTATTI    |   Mailing List  |   Area riservata

P.I. 96054950041 - Via XXV aprile, 25 - 12025 - Dronero (CN) - Privacy Policy
Sito ottimizzato per una risoluzione 800x600 con browser IE 5.0 o superiori.
É necessario il plug-in di Macromedia Flash

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fini statistici, pubblicitari e operativi, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all’ uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy. Per saperne di più e per impostare le tue preferenze vai alla sezione: Privacy Policy

×