Centro Europeo Giovanni Giolitti per lo Studio dello Stato - Dronero
HOME \ IL CENTRO EUROPEO \ NEWS \ BIOGRAFIA \ DICONO DI LUI \ GALLERIA \ MAILING LIST
MAILING LIST
Registrati per ricevere tutte le novità dal Centro.

 

News
Vai all'archivio
 
Giolitti, un bilancio critico
Aggiornato al 02/12/2009 12:08:42

Convegno di studi su

GIOVANNI GIOLITTI E LA SUA ETÀ:
PER UN BILANCIO CRITICO

NAPOLI 11-12 dicembre 2009

presso l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra di Cassano, Via Monte di Dio 14

Mezzo secolo dopo la pubblicazione di Quarant’anni di politica italiana dalle carte di Giovanni Giolitti, curata da Piero D’Angiolini, Giampiero Carocci e Claudio Pavone (Milano, Feltrinelli, 1962), sulla traccia delle magistrali opere di Nino Valeri, Gabriele De Rosa, Giovanni Spadolini, Alberto Aquarone, Giorgio Rumi, Brunello Vigezzi, Emilio Gentile e di tanti autorevoli studiosi non solo italiani, l’Opera Giolitti al Governo, in Parlamento, nel Carteggio (2007-2010, voll. 3, tomi 5), edita dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Saluzzo per i tipi della Casa Bastogi (Foggia) su iniziativa del Centro Europeo “Giovanni Giolitti” per lo studio dello Stato e dell’Archivio Centrale dello Stato, di concerto con l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, sollecita nuove riflessioni sullo Statista e sull’età che ne prese nome.

Il progresso degli studi indica sempre più chiara la sequenza di periodi nettamente distinti nell’arco del mezzo secolo della vita pubblica di cui Giolitti fu protagonista: dai governi Depretis e Crispi alla crisi di fine Ottocento; dalla collaborazione, anche al governo, tra l’erede di Camillo Cavour e Quintino Sella all’opposizione durissima contro lo Statista siciliano sulla questione bancaria e sull’uso politico della magistratura inquirente; la “svolta liberale” d’inizio Novecento e l’età giolittiana in senso proprio; il decennio aperto dall’intervento dell’Italia nella Grande Guerra (le cui conseguenze non vennero previste da nessuno degli uomini di governo), sfociato nell’eclissi della democrazia parlamentare, faticosamente avviata tra il 1882 e il 1913 con l’ampliamento del diritto di voto e l’elettività di sindaci e presidenti delle Giunte provinciali; infine l’avvento del regime di partito unico dopo le elezioni del 1924 e le prime “leggi fascistissime”.

Per tracciare un bilancio critico dei traguardi acquisiti dalla storiografia e indicare nuovi percorsi di ricerca, nei giorni 11-12 dicembre l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici organizza un convegno di studi nel quale, con altri, intervengono il gen. CdA Oreste Bovio, i proff. Cosimo Ceccuti, André Combes, Maurizio Degl’Innocenti, GianPaolo Ferraioli, Fernando Garcia Sanz, Giovanni Orsina, Aldo G. Ricci, Tito Lucrezio Rizzo, Gian Paolo Romanato, Giovanni Sabbatucci, Romano Ugolini e il sen. Valerio Zanone, con il coordinamento di Aldo A. Mola, direttore del Centro “Giovanni Giolitti” (Dronero).


PROGRAMMA

Venerdì 11 dicembre 2009

h. 15,00: Benvenuto dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (Presidente avv. Gerardo Marotta)
Saluti delle Autorità

h. 15,15: Apertura dei lavori

Aldo A. Mola (Centro Europeo “Giovanni Giolitti”), L’Italia per Giovanni Giolitti
Giovanni Orsina (Luiss “Guido Carli”, Roma), Al centro dell’età giolittiana
Maurizio Degl’Innocenti (Fondazione “F. Turati-S. Pertini”, Firenze), Centro e periferia nell’età giolittiana
Romano Ugolini (Un. Perugia), Ernesto Nathan sindaco di Roma nell’età giolittiana
André Combes (Iderm, Parigi), La laicizzazione in Francia nel Primo Novecento
Fernando Garcia Sanz (CSIC, Madrid), Spagna e Italia nell’età giolittiana
Aldo G. Ricci (Archivio Centrale dello Stato, Roma), Giolitti uomo d’archivio: tra pubblico e privato

h. 19,15: Approfondimenti


Sabato 12 dicembre 2009

h. 9,30: Apertura dei lavori

Oreste Bovio (Ufficio Storico dello SME, Roma), Le Forze Armate nell’età giolittiana
Tito Lucrezio Rizzo (Un.“Guglielmo Marconi”, Cons. Quirinale, Roma), Giolitti nell’età umbertina
GianPaolo Ferraioli (“La Sapienza”, Roma),Giolitti e Antonino di San Giuliano
Gian Paolo Romanato (Un. Padova), Giolitti e Giacomo Matteotti: un confronto mancato
Giovanni Sabbatucci (“La Sapienza”, Roma), Il V Ministero Giolitti e il suo retaggio
Cosimo Ceccuti (Un.. Firenze), Il Giolitti di Giovanni Spadolini

h. 13,30: Approfondimenti

h. 13,45: Valerio Zanone (Fondazione “Luigi Einaudi”, Roma), Conclusioni

Gl’interventi saranno pubblicati negli Atti.

Gli studiosi potranno richiedere copia di volumi dell’ Opera Giolitti al Governo, in Parlamento, nel Carteggio a cura di Aldo A. Mola e Aldo G. Ricci (ed. Bastogi).


Coordinamento Aldo A. Mola
e.mail:aldoamola@alice.it cell. 348.8130590
via Saluzzo 12 12030 Torre San Giorgio CN

In collaborazione con
Archivio Centrale dello Stato - Roma
Fondazione Cassa di Risparmio di Saluzzo

» Indietro          » Archivio news          » Inizio pagina

 

Realizzato da IDEA Informatica & Devisar
HOME   |  BIOGRAFIA   |   IL CENTRO EUROPEO   |   NEWS   |   LA PAROLA AL PRESIDENTE   |   DICONO DI LUI   |   PUBBLICAZIONI
APPUNTAMENTI   |   ARCHIVIO   |   MOSTRE    |   CONTATTI    |   Mailing List  |   Area riservata

P.I. 96054950041 - Via XXV aprile, 25 - 12025 - Dronero (CN) - Privacy Policy
Sito ottimizzato per una risoluzione 800x600 con browser IE 5.0 o superiori.
É necessario il plug-in di Macromedia Flash

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fini statistici, pubblicitari e operativi, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all’ uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy. Per saperne di più e per impostare le tue preferenze vai alla sezione: Privacy Policy

×